Dalle infrastrutture grigie a quelle verdi

Le Green Infrastructure sono strategiche nei processi di rigenerazione urbana e rappresentano una possibilità cruciale per supportare scenari di sviluppo sostenibile.

Autore

Alessandro Raffa

Data

23 Marzo 2023

AUTORE

TEMPO DI LETTURA

5' di lettura

DATA

23 Marzo 2023

ARGOMENTO

CONDIVIDI

Rigenerare con le Green Infrastructures

Negli ultimi vent’anni le infrastrutture verdi, le green infrastructure (GI), sono state riconosciute come strategiche nei processi di rigenerazione urbana e rappresentano una possibilità cruciale per supportare, attraverso soluzioni basate sulla natura, scenari integrati di sviluppo sostenibile. I processi di urbanizzazione, tra sprawl, infrastrutturazione del territorio e relativo consumo di suolo, pregressi e in corso, hanno generato e continuano a generare dinamiche ecologiche asimmetriche e una frammentazione del capitale naturale che incrementa fragilità e vulnerabilità dell’ecosistema urbano nel suo complesso. Le GI rappresentano un’opportunità concreta di riequilibrio e, simultaneamente, incrementano la resilienza urbana, migliorano la qualità della vita dei cittadini e rispondono localmente a sfide e urgenze globali.

GI tra connettività, multifunzionalità, inter-scalarità

Per GI si intende una rete di spazi verdi (ma anche d’acqua) multilivello e multi-funzionale – come tetti verdi, superfici verdi, strade alberate, foreste e parchi urbani, community gardens, aree agricole, umide, ecc. – progettata per offrire una serie di benefici ecologici, sociali ed economici

Rispetto alle infrastrutture tradizionali, dette anche grey infrastructure, le GI offrono performatività molteplici, sostituendo o integrando le infrastrutture esistenti, promuovendo la resilienza urbana e riducendo i costi di gestione.  Si caratterizzano per connettività (mettendo in connessione spazi verdi nuovi ed esistenti con diverse qualità e caratteristiche), inter-scalarità (muovendosi dalla dimensione locale, a quella urbana e territoriale) e multifunzionalità.

Le GI, infatti, offrono una serie di benefici: permettono di incrementare la biodiversità, diminuire la velocità del vento, gestire il flusso delle precipitazioni, ridurre l’effetto isola di calore e i consumi energetici, ridurre l’impronta ecologica del carbonio e gli effetti del cambiamento climatico – sia in termini di mitigazione che di adattamento 1, collegando le aree urbane a quelle rurali, ma anche attraverso community gardens e pratiche di agricoltura urbana – ridurre le distanze tra produzione e consumo alimentare, migliorare la qualità della vita e il benessere dei cittadini, per i quali, soprattutto dopo la pandemia, l’importanza degli spazi verdi come luoghi di rigenerazione psico-fisica è cresciuta 2.

Inoltre, possono contribuire a costruire o consolidare il senso di comunità attraverso la mobilitazione della società civile, favorendo l’inclusione sociale attraverso processi di rigenerazione. Gli investimenti per la realizzazione o implementazione di GI in contesti urbani non solo rafforzano la resilienza, ma contribuiscono anche a creare e mantenere posti di lavoro.

GI. Goals e Targets dell’ Agenda 2030

Nell’ambito degli obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dall’Agenda 2020 le GI possono contribuire al: 

  • Goal 3 – Salute e benessere – offrendo servizi di regolazione ambientale, benefici psico-fisici e promuovendo uno stile di vita più salubre; 
  • Goal 2 – Sconfiggere la Fame e Goal 12 – Consumo e produzione responsabile – offrendo spazi come orti urbani, community gardens e agricoltura urbana e periurbana, accorciando le distanze tra produzione e consumo; 
  • Goal 6 – Acqua pulita e servizi igienico sanitari, target 6.6 Proteggere e risanare gli ecosistemi legati all’acqua – ripristinando o ridefinendo la loro condizione naturale, favorendo il drenaggio urbano dell’acqua e la fitodepurazione attraverso nature-based solutions; 
  • Goal 11 – Città e comunità sostenibili, target 11.1 Riqualificazione e Rigenerazione urbana e 11.2 Mobilità sostenibile – attraverso spazi verdi che migliorino la resilienza urbana e che siano attraversati da infrastrutture per la mobilità dolce; 
  • Goal 13 – Lotta contro i cambiamenti climatici, target 13.1 promuovendo l’adattamento in contesti urbani attraverso soluzioni tecno-naturali che riducano la vulnerabilità ai fenomeni meteorologici estremi 3.

Le città come laboratori sperimentali sulla rigenerazione GI-driven

Le infrastrutture verdi rivestono un ruolo particolarmente rilevante nei contesti urbani mondiali dove il tasso di inurbamento è destinato a crescere nel prossimo futuro. A livello europeo, dove il 60% della popolazione si concentra in aree urbane, le infrastrutture verdi hanno e avranno, quindi, un ruolo decisivo nel raggiungimento di una serie di obiettivi: dalla coesione e sviluppo regionale, alla strategia per l’adattamento ai cambiamenti climatici, alla gestione del rischio catastrofi 4.

I processi di pianificazione e progettazione delle GI in contesti urbani sono guidati da quattro principi 5

  • integrazione tra infrastrutture grigie e verdi, soprattutto nei processi di rigenerazione, possono migliorare le performance dei sistemi urbani rispetto all’uso delle risorse (acqua e energia) attraverso soluzioni tecno-naturali, che migliorino anche la qualità degli spazi urbani; 
  • connettività, mira a creare una rete di spazi verdi ben collegati, per l’uomo e le altre specie. Ciò comporta la creazione e il ripristino di connessioni secondo una logica sinergica, per sostenere e processi, funzioni e benefici che sono possibili solo attraverso l’interconnessione; 
  • multi-funzionalità, riguarda la capacità delle GI di fornire contemporaneamente diversi benefici ecologici, socio-culturali ed economici. Strettamente legato alla multifunzionalità è il concetto di servizi ecosistemici, cioè i benefici di approvvigionamento, di regolazione, di biodiversità e culturali 6 che ecosistemi in salute possono offrire; 
  • inclusione sociale, intendendo sia spazi che permettano accessibilità e fruibilità per tutti ma anche nel processo, coinvolgendo gruppi e comunità, sulla base delle proprie esigenze e aspirazioni, nella pianificazione e implementazione delle GI. 

Rigenerare la città attraverso le GI oggi significa ripensare pratiche e approcci consolidati, integrando la rigenerazione con la gestione/conservazione del capitale naturale, le dinamiche ecologiche, il paesaggio, l’uso pubblico, la salute e il benessere dei cittadini; significa guardare alla rigenerazione in chiave complessa, interdisciplinare e olistica, capace di mettere a sistema potenzialità e fragilità locali rispetto a sfide e urgenze globali, territori e comunità̀, per promuovere una transizione giusta, ecologica ed energetica. 

Le città da questo punto di vista rappresentano dei laboratori possibili sulla rigenerazione attraverso le GI, sperimentando approcci, metodi e strumenti innovativi, nella prospettiva di uno sviluppo sostenibile in senso economico, ecologico e sociale. 

Il presente contributo si inserisce in una ricerca dell’autore sui temi della rigenerazione urbana presso il Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Università della Basilicata, finanziata su risorse PON R&I e del fondo FSE- REACT EU.

Note

  1. T. Mattews, A.Y. Lo e J.A. Byrne, Reconceptualizing green infrastructure for climate change adaptation: barriers to adoption and drivers for uptake by spatial planners, in “Landscape and Urban Planning”, 138, 2015, pp. 155-163. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169204615000419
  2. F. Ugolini et. al., Effects of the COVID-19 pandemic on the use and perceptions of urban green space: an international exploratory study, in “Urban forestry & Urban greening”, p. 56, 2020. https://www.scien- cedirect.com/journal/urban-forestry-and-urban-greening/vol/56/suppl/C
  3. B. Wilk, S. Hanania, V. Latinos, B. Anton e M. Olbertz, Guidelines for co-designing and co-imple- menting green infrastructure in urban regeneration processes, D 2.10, proGIreg. Horizon 2020 Grant Agreement No 776528, 2020, European Commission, https://progireg.eu/fileadmin/user_upload/Deliverables/D2.10_Guidelines_for_co-designing_proGIreg_ICLEI_200804.pdf
  4. Commissione Europea, Infrastrutture verdi – Rafforzare il capitale naturale in Europa, 52013DC0249, 2013. https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=celex%3A52013DC0249
  5. R. Hansen e S. Pauleit, From Multifunctionality to Multiple Ecosystem Services? A Conceptual Framework for Multifunctionality, in “Green Infrastructure Planning for Urban Areas”, AMBIO 43, 2014, pp. 516-529
  6. R. Hansen, E. Rall, E. Chapman, W. Rolf e S. Pauleit, Urban Green Infrastructure Planning: A Guide for Practitioners, GREEN SURGE, 2017, http://greensurge.eu/ working-packages/wp5/
Leggi anche
Clima, Oggi
1′ di lettura

22/04: la Giornata della Terra

di Redazione
Clima
Coordinate
6′ di lettura

Choke points

di Sergio Vergalli
Clima
Orme
3′ di lettura

Alfredo Todisco e la «Primavera dell’ecologia»

di Alessandra Favazzo
Società
Viva Voce

Web e social media data: la brand reputation nell’era della sostenibilità

di Federica Carbone
4′ di lettura
Economia
Viva Voce

Abbigliamento circolare per l’outdoor

di Giulio Piovanelli
5′ di lettura
Scienza
Viva Voce

La bioeconomia che verrà

di Stefano Bertacchi
4′ di lettura
Società
Viva Voce

La sfida delle monete complementari italiane 

di Cristina Toti
8′ di lettura
Scienza
Viva Voce

Virus biotech per la medicina

di Stefano Bertacchi
5′ di lettura
Clima
Viva Voce

Recupero di terre rare da RAEE: progressi e criticità

di Sergio Corbetta, Enrico Folin
5′ di lettura

Credits

Ux Design: Susanna Legrenzi
Grafica: Maurizio Maselli / Artworkweb
Web development: Synesthesia