Stampa e oro nero – i volumi ora disponibili in digitale

Dopo sessant’anni dalla pubblicazione dell’ultimo volume di Stampa e oro nero, FEEM ha completato il processo di digitalizzazione dell’intera opera.

Autore

Redazione

Data

10 Aprile 2024

AUTORE

TEMPO DI LETTURA

4' di lettura

DATA

10 Aprile 2024

ARGOMENTO

PAROLE CHIAVE


Archivio

Storia

CONDIVIDI

«Un’originalità polemica che stava in mezzo fra l’ironia, la ritorsione e l’orgoglio» 1

A distanza di sessant’anni dalla pubblicazione dell’ultimo volume di Stampa e oro nero, la Fondazione Eni Enrico Mattei – con il finanziamento del Ministero della Cultura – ha completato il processo di digitalizzazione dell’intera opera, da oggi a disposizione di studiosi e lettori.

Trentasei volumi che mostrano il lato più ironico e meno arrendevole del fondatore dell’Eni. Raccolgono infatti tutti gli attacchi rivolti a Enrico Mattei e all’Eni da parte della stampa, nazionale e internazionale, a partire dal 1949 e fino al 1962.

Uscivano come supplementi ad altri periodici, per non incorrere in violazioni del diritto d’autore e venivano distribuiti non solo ad amici e collaboratori, ma anche a personalità di spicco dell’opposizione, ed erano corredati anche da tavole con caricature. Una preziosa arma di lotta, come la definisce Manlio Magini nella sua lettera del 18 marzo 1960 a Mattei2, per mostrare come, con caparbietà e ironia, si possono affrontare le più grandi sfide del mondo e per favorire una comprensione diffusa delle questioni globali tra le parti e contribuire all’impegno politico.

All’interno della raccolta il volume XXXVI (1963) rappresenta un unicum non solo perché, a differenza dei precedenti, presenta un titolo proprio (La vetta), ma anche perché raccoglie i commenti, i ritratti, i necrologi scritti nel mondo per la morte di Mattei.

Il risultato di questo imponente progetto coordinato da FEEM è costituito dalla digitalizzazione completa di questa raccolta, a colori e ad alta risoluzione (400 DPI), per un totale di oltre 15400 scatti e dalla realizzazione di file in formato PDF/A (per garantirne una conservazione a lungo termine), con riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) che consente di eseguire una ricerca puntuale dei contenuti, anche per parola chiave. I materiali sono pubblicati online sul sito della Fondazione e in questo modo resi disponibili a chiunque voglia scoprire – ora anche da remoto – le pagine di Stampa e oro nero.

Note

  1. Marcello Boldrini, Enrico Mattei (Roma: [s.n.], 1968), p. 4.
  2. La lettera è conservata presso l’Archivio storico Eni (segnatura U.III.1, busta 45, numero di
    ordinamento: 2CBF).
Leggi anche
Cultura
Orme
5′ di lettura

Mario Rigoni Stern, la natura e l’Altopiano

di Alessandra Favazzo
Cultura
Freccette
6′ di lettura

Società, natura, arti. Quando il mondo ha iniziato a mapparli

di Andrea Mattiello
Cultura
Editoriali
7′ di lettura

Pensieri nuovi sullo sviluppo sostenibile. Intervista a Pierre Caye

di Edoardo Toffoletto
Società
Viva Voce

Web e social media data: la brand reputation nell’era della sostenibilità

di Federica Carbone
4′ di lettura
Economia
Viva Voce

Abbigliamento circolare per l’outdoor

di Giulio Piovanelli
5′ di lettura
Scienza
Viva Voce

La bioeconomia che verrà

di Stefano Bertacchi
4′ di lettura
Società
Viva Voce

La sfida delle monete complementari italiane 

di Cristina Toti
8′ di lettura
Scienza
Viva Voce

Virus biotech per la medicina

di Stefano Bertacchi
5′ di lettura
Clima
Viva Voce

Recupero di terre rare da RAEE: progressi e criticità

di Sergio Corbetta, Enrico Folin
5′ di lettura

Credits

Ux Design: Susanna Legrenzi
Grafica: Maurizio Maselli / Artworkweb
Web development: Synesthesia