Polpetta spaziale: cosa si mangia tra le stelle tra fiction e realtà

Autore

Andrea Bellati

Data

2 Febbraio 2024

AUTORE

TEMPO DI LETTURA

4' di lettura

DATA

2 Febbraio 2024

ARGOMENTO

PAROLE CHIAVE


Spazio

Astronauti

CONDIVIDI

Con una serie di video molto interessanti pubblicati sul canale YouTube dall’ESA (Agenzia Spaziale Europea), Samantha Cristoforetti ci accompagna in una visita guidata per illustrare la vita quotidiana sull’ISS, la Stazione Spaziale Internazionale. Cristoforetti spiega come si lavora, si dorme, ci si allena, addirittura come si va in bagno e ci si lava. Nel video dedicato alla cucina, la nostra astronauta mostra alimenti imbustati sottovuoto o liofilizzati e poi si prepara una piadina con una farcitura sufficientemente appiccicosa perché si incolli alla pasta e non se ne vada in giro, galleggiando nell’aria a gravità zero. Tutto sommato, considerando che l’ISS viaggia a una velocità media di 27.600 km orari, completando 15,5 orbite al giorno alla distanza media di 370 km dalla Terra, a bordo non si mangia male. Almeno, io sarei curioso di assaggiare la cucina spaziale. Ci sono addirittura chef stellati che preparano porzioni monodose di prelibatezze da consumare nello spazio: tutti piatti che vanno portati da casa, da Terra insomma, schiscette spaziali.

L’alimentazione degli astronauti è un tema interessante e compare spesso anche nei film di fantascienza. Riguardando il classicone 2001 Odissea nello spazio, ho contato ben cinque sequenze con gente che mangia. Nel superfluo e dimenticabile sequel 2002 La Seconda Odissea (1972), piccoli robot contadini coltivano ortaggi sotto enormi cupole, mentre in Passengers (2016) distributori automatici riempiono vassoi stile mensa aziendale. Nel film The Martian (2015), il sopravvissuto protagonista riesce a coltivare patate nel suolo marziano. Ecco, marziano, anzi meglio, San Marziano, è il nomignolo geniale dato dai ricercatori dell’ENEA a un piccolo pomodoro concepito per crescere nello spazio e assicurare cibo salutare alle future colonie lunari. Questo pomodoro, germogliato nell’ambito dei progetti Hortspace e Bioxtreme, è un ortaggio biofortificato capace di resistere alle radiazioni ionizzanti che permeano lo spazio al di fuori dell’atmosfera terrestre, radiazioni che possono danneggiare il DNA.

La Luna sarà una tappa fondamentale nell’esplorazione dello spazio, sarà un punto di partenza a bassa gravità, un trampolino di lancio per andare su Marte. Quindi sarà indispensabile costruire basi stabili, insediamenti autosufficienti in grado di ospitare persone e generare le risorse energetiche e alimentari necessarie. Per questo motivo le sonde stanno cercando acqua nel suolo del nostro satellite naturale, acqua che potrà annaffiare gli orti lunari. Orti dove forse un giorno crescerà il San Marziano. Per difendersi dalle radiazioni, il pomodorino è concepito per produrre una dose extra di antocianine, sostanze antiossidanti naturalmente presenti nei frutti ai quali conferiscono la gamma di colori che va dal rosso al blu. Ci sono antocianine nel pomodoro, nelle fragole, nei mirtilli e nelle more. Queste sostanze sono micronutrienti benefici anche per la salute umana, quindi anche di quella dei futuri esploratori spaziali.

A proposito di esplorazione spaziale e di film, la sigla della prima serie di Star Trek iniziava con l’indimenticabile formula: “Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell’astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale. Diretta all’esplorazione di nuovi mondi. Alla ricerca di altre forma di vita e di civiltà. Fino ad arrivare dove nessun uomo è mai giunto prima.” In Star Trek non mangiano mai, quindi, con affetto e commozione, chiudo questa polpetta con una foto rubata, uno scatto nel backstage con il Capitano Kirk e del vulcaniano Spock che mangiano qualcosa che somiglia alle fette di un polpettone.

Il video ESA

Leggi anche
Cultura, Oggi
1′ di lettura

Il rossetto più antico del mondo ha 4000 anni

di Redazione
Cultura
Coordinate
8′ di lettura

Prospettive Africane nella Biennale ‘Laboratory of the Future’

di Alessandra Manzini
Cultura
Editoriali
8′ di lettura

Ripensare la moda

di Gulnazi Kenzhebay, Teresa Dianelly Flores Ramirez, Benedetta Zarpellon
Scienza
Viva Voce

Virus biotech per la medicina

di Stefano Bertacchi
5′ di lettura
Clima
Viva Voce

Recupero di terre rare da RAEE: progressi e criticità

di Sergio Corbetta, Enrico Folin
5′ di lettura
Società
Viva Voce

Diari di apartheid. La città a due volti.

di Gloria Ballestrasse
4′ di lettura
Clima
Viva Voce

Crediti di carbonio e carbon farming: come prevenire il greenwashing

di Simone Gazzea, Giorgia Lain
5′ di lettura
Economia
Viva Voce

Società benefit: modello di business per lo sviluppo sostenibile

di Matteo Taraschi
7′ di lettura
Economia
Viva Voce

Un check-up dei consumi di acqua domestici?

di Mirco Tonin
5′ di lettura

Credits

Ux Design: Susanna Legrenzi
Grafica: Maurizio Maselli / Artworkweb
Web development: Synesthesia