François Rabelais, il gigante del Rinascimento francese

Autore

Alessandro Isidoro Re

Data

20 Gennaio 2023

AUTORE

TEMPO DI LETTURA

3' di lettura

DATA

20 Gennaio 2023

ARGOMENTO

PAROLE CHIAVE


Letteratura

CONDIVIDI

François Rabelais, umanista cinquecentesco, nacque nel 1483 nell’attuale regione della Centre-Val de Loire, in Francia.

Uomo molto colto e curioso, prese i voti nel 1520, e durante la sua permanenza nell’ordine dei Francescani studiò il greco, il latino, l’ebraico; e ancora filosofia, teologia, giurisprudenza, filologia ma anche fisiologia, fisica e storia naturale. Sospettato però di eresia a causa dei libri in lingua greca, su ordine della Sorbona, ne subì la confisca. 

Febbrile e avido di sapere, intorno al 1526 decise quindi di dare una svolta alla sua vita, passando all’ordine dei Frati Benedettini. Il giovane iniziò così a viaggiare e visitare varie città tra cui Bordeaux, Toulouse e Parigi.

Tuttavia, le regole monastiche erano per lui opprimenti e dopo aver deciso di farsi prete secolare, nel 1530 si iscrisse alla facoltà di medicina di Montpellier. Iniziò così, nel 1532, a esercitare come medico a Lione, centro culturale della Francia di quegli anni. Qui ebbe l’opportunità di conoscere innumerevoli letterati e fu proprio questo che lo portò alla scrittura, sotto lo pseudonimo di Alcofribas Nassier – anagramma del suo nome di battesimo, e suo celebre pseudonimo.

Quindi, nel 1534, pubblicò il primo dei 5 libri dell’epopea eroicomica che l’ha reso famoso: ‘Gargantua e Pantagruel’. Opera definita da molti ‘a cento teste’, dove l’autore cerca di contenere e armonizzare il caos del mondo. Un libro sovversivo da cui emerge da un lato, una critica verso il potere e l’istruzione libresca, mnemonica e verbalistica; dall’altro una visione calda, simpatica, tumultuosa dell’umanità. Contraddistinguendosi, sul piano linguistico, per una grande ricchezza creativa e polifonia lessicale.   

Il capolavoro segue le vicende di due giganti, Gargantua e Pantagruel, padre e figlio. I due assecondano tutte le loro inclinazioni naturali e fisiche e godono dei piaceri della vita. «Ingordi di cibo e vino, ma anche di conoscenza e sapere, incarnano la forza della natura e la fiducia nelle facoltà illimitate dell’uomo».

Attraverso uno stile enfatico, parossistico e onusto di neologismi, Rabelais riflette sulla smisuratezza dei suoi protagonisti, tra amicizie, avventure, prodezze e gesta mirabolanti. L’autore riesce quindi a cogliere l’essenza umana, attraverso la satira e l’intelletto; dando voce al modo di ridere delle persone, ricorda a tutte e tutti che ognuno di noi ha un corpo, con esigenze e funzioni vitali, che spesso contiene più intelligenza delle nostre fumose elucubrazioni mentali.

Leggi anche
Cultura
Freccette
5′ di lettura

Apparenza di natura

di Andrea Mattiello
Cultura
Freccette
4′ di lettura

Storicità dell’insicurezza (note melanconiche)

di Giulio Sapelli
Cultura
Editoriali
6′ di lettura

Qualche assolo per la parità di genere

di Caterina Francesca Ottobrini
Economia
Viva Voce

La competizione geopolitica per la leadership dell’AI

di Ettore Iorio
5′ di lettura
Scienza
Viva Voce

Le biotecnologie al bivio europeo

di Stefano Bertacchi
4′ di lettura
Società
Viva Voce

Web e social media data: la brand reputation nell’era della sostenibilità

di Federica Carbone
4′ di lettura
Economia
Viva Voce

Abbigliamento circolare per l’outdoor

di Giulio Piovanelli
5′ di lettura
Scienza
Viva Voce

La bioeconomia che verrà

di Stefano Bertacchi
4′ di lettura
Società
Viva Voce

La sfida delle monete complementari italiane 

di Cristina Toti
8′ di lettura

Credits

Ux Design: Susanna Legrenzi
Grafica: Maurizio Maselli / Artworkweb
Web development: Synesthesia